Giorgio De Ferrari

Giorgio De Ferrari
Genovese, si laurea nel 1960, con Carlo Mollino relatore, alla Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino.
Sono gli eccitanti anni del boom economico e dell’affermazione del Design italiano.
“Tutti disegnano tutto. In particolare mobili e lampade. Mi impegno per essere della partita”.
Occasione saranno i concorsi internazionali nel 1965 e nel 1966 del MIA (Mostra Internazionale dell’Arredamento) dove i premi lo segnalano alla prestigiosa Giuria (Domus n°435, 448), in particolare a Joe Colombo, col quale nasce una duratura amicizia e collaborazione (Boucheron a Parigi, Elco, XIV Triennale). Viene chiamato a collaborare alla nuova Elco da Joe Colombo, Bonetto e Stoppino. E poi Kartell, Stilnovo, VeArt, Gufram…
Dal 1969 è assistente di Achille Castiglioni al corso di “Progettazione Artistica per l'Industria”, al quale succederà nel 1979.
Professore Ordinario della disciplina, nel 1996 fonda il “Corso di studi in Disegno Industriale” del Politecnico di Torino.
Nel 1983 con alcuni giovani di cui era stato relatore di Laurea, dà vita allo “Studio De Ferrari Architetti”: una molto attiva ed affiatata brigata affermata nei diversi settori professionali.
Tra le collaborazioni di design Arredo Urbano: Alluminia (selezione Compasso d’Oro, Premio InArch, IGP Decaux, Fantoni TLF…) Mobili ed illuminazione: Abet, Stildomus, Stilnovo, Kartell, Elco, VeArt, Colli 2 (Collezione permanente Victoria & Albert Museum). Car design: Sicam, Anfia, Bertone…
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Siglacom - Internet Partner